Ristorante storico a Venezia | Menu di Pesce e Carne | Locanda Zanella Treporti | Venezia

Benvenuti alla LOCANDA ZANELLA

Ristorante a base di pesce, a Treporti, Venezia.
Amore per la buona cucina, le tradizioni e la nostra laguna di Venezia Per prenotazioni chiamare +39 0415301773

UNA CUCINA DI PESCE E CARNE GENUINA, NELLA TRADIZIONE VENEZIANA

Renzo, Luca & Marco: amore per la buona cucina veneziana

Una tradizione di famiglia

“I Mavaracchio sono tre, come scrisse Francesco Lazzarini nel 2012 nella “Nuova Venezia”:

Renzo in cucina con il fratello Luca, entrambi con un lungo apprendistato giovanile nella Locanda Cipriani a Torcello e per Renzo anche una puntata nel tempio di Arrigo all’Harry’s Bar; Marco, figlio di Renzo, esperto sommelier che si occupa della sala (d’estate la bellezza di due giardini, i portici dell’ingresso, insomma c’è da sgambettare niente male) e della cantina (il prosecco sfuso della casa è beverino al punto giusto).

“In una piccola oasi tra un giardino fiorito e il pittoresco canale con relativo ormeggio si respira la quiete di un ambiente irripetibile per fascino e suggestione che è la laguna nord di Venezia. Dopo aver lasciato l’auto nel parcheggio della piazzetta vicino alla chiesa, si attraversa la strada e si entra nel locale che accoglie gli ospiti in un cortile interno estremamente carino, gradevole nell’aspetto e nella preparazione dei tavoli che crea un’atmosfera rilassante che induce subito a scorrere la lista del menù alla carta sempre zeppo di tipicità veneziane.

Se si preferisce la raffinatezza, giornalmente gli chef propongono un menù che segue con attenzione la stagionalità dei prodotti con piatti a base di pesce di laguna e di mare accompagnati dagli ortaggi freschi provenienti da colture biologiche del Cavallino e rielaborati con creatività e semplicità.

All’interno gli ambienti completamente restaurati nel rispetto della tradizione sono davvero accoglienti grazie al sapiente recupero delle travi e dei mattoni a vista dell’antica struttura e gli arredi in ferro di semplice eleganza, caratteristici delle dimore storiche di campagna.

La cucina tipica di Venezia

Sarde in saor, tagliata di calamari, schie bollite, gamberoni in saor, tagliate di tonno, tanto amore per la buona cucina tradizionale

L’essenza di Zanella in un video

Capire chi siamo, da dove veniamo, le radici territoriali che influenzano la nostra cucina e il nostro amore per Venezia.

Locanda Zanella e la sua storia

Immagini che fanno rivivere chi siamo e quello che abbiamo voluto costruire. La storia di Renzo, Luca e Marco.

RENZO

CHEF

Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit.

LUCA

CHEF

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa.

MARCO

CHAPTER RESTAURANT

Nullam quis ante. Etiam sit amet orci eget eros faucibus tincidunt. Duis leo. Sed fringilla mauris.

FILIPPO

CHEF

Nullam quis ante. Etiam sit amet orci eget eros faucibus tincidunt. Duis leo. Sed fringilla mauris.

Ma se la locanda si chiama Zanella, famoso ritrovo di gourmand in piazza a Treporti, che c’entrano i Mavaracchio? C’entrano, perché dopo un’esperienza autonoma di pizzeria un po’ di anni fa hanno rilevato il locale messo sotto sequestro dall’autorità giudiziaria per varie irregolarità e hanno avuto l’accortezza di conservare il nome di questa locanda in attività da più di 70 anni.

Si dice Treporti e si pensa subito a una cucina di solo pesce, invece da Zanella ci sono anche un bel menu di carne, uno vegetariano (9 piatti) e per i bambini qualche piatto giusto giusto per loro. Materie prime? Ma a chilometro zero, visto che pesci e verdure provengono da Cavallino e da Jesolo. E poi molto si fa in casa, pasta, grissini e dolci mentre il pane lo fa un artigiano del posto. Perfino il caffè (ottimo) viene tostato in proprio. Ma veniamo alla cucina. Tradizionale certo, sul pesce il menu cambia secondo stagione e quel che offre il mercato del giorno, ma non chiusa nella tradizione perché Renzo ha seguito i corsi di scuola Etoile del Boscolo Group che gli da il destro di una internazionalizzazione dei piatti, senza strafare. Insomma, per dirla, tradizione e creatività a braccetto. Gli scampi crudi serviti con un leggero extravergine erano profumati di mare come dovrebbero essere, fragranti e morbide le cappesante al forno (zuppetta d’obbligo alla fine), ferfetti gli spaghetti alla chitarra alla marinara, come le moeche fritte con le castraure. La selezione di mini dessert (perfino un mini mini bubà) intrigante. Molti i piatti da poter gustare, da quelli di carne come il prosciutto d’oca con crostini di tartufo o la cotoletta alla Panama o il Gazpacho, o gli gnocchi con cappelunghe e pesto di rucola. Ci torneremo di sicuro”.

Il TERRITORIO di Cavallino – Treporti Venezia

Vuoi visitare una Venezia insolita, fuori dai percorsi più comuni, attraverso un rapporto intimo ed escluivo con la città e i suoi abitanti?

Potrai partire all’avventura, senza una meta precisa, oppure percorrere gli itinerari cicloturistici messi a punto per te e la tua famiglia dal Parco Turistico di Cavallino-Treporti.

Non solo mare, spiaggia e ombrelloni! Nel comune veneziano di Cavallino-Treporti, quattro itinerari permettono di scoprire ed esplorare i luoghi storici e le aree verdi di questo lembo di terra tra la laguna veneta e il mare Adriatico.

Da Punta Sabbioni si aprono tre percorsi.
Il primo si snoda tra le isole di Saccagnana, Portosecco e Treporti. Un paesaggio mutevole spazia su ampi scorci lagunari, sui giardini e i piccoli orti delle case e aziende private. Giunti nel centro di Prà, con la sua villa rinascimentale recentemente restaurata, si può ammirare l’ampio panorama della laguna che dalla verde isola di San Francesco arriva alle pittoresche case colorate di Burano.
www.turismovenezia.it/saccagnana-portosecco-treporti

Il secondo itinerario si estende lungo il litorale di Punta Sabbioni. Proseguendo sul lungomare, da una placida distesa di sabbia si passa al bosco litoraneo ricco di pioppi, orchidee selvatiche ma anche animali quali l’upupa, il picchio e il cuculo. Si giunge alla zona degli Orti dove la strada si apre da un lato sulle scogliere, dall’altro sui terreni agricoli con i filari di siepi e vigne. La camminata termina al faro, uno degli accessi alla laguna veneziana.

Il terzo percorso è una lunga passeggiata che attraverso Valle Sacchetta e il villaggio di Le Mesole giunge a Lio Piccolo. Il passato storico di questo borgo è testimoniato dalla chiesetta settecentesca e il seicentesco Palazzo Boldù. La laguna di Lio Piccolo offre inoltre ogni primavera lo spettacolo della nidificazione dei Cavalieri d’Italia.
www.turismovenezia.it/lio-piccolo

Dalle porte -o chiuse- di Cavallino, l’ultima camminata attraversa il centro storico del paese e giunge alla vicina foce del fiume Sile, passando per i tipici paesaggi lagunari le cui valli sono popolate anche da garzette e aironi rossi.

Modo di percorrenza
A piedi. Vista la scarsa presenza di zone d’ombra si consiglia di fare attenzione nei giorni più caldi dell’estate